Domande frequenti

No. Sono benvenute tutte le età, anche la cosiddetta “terza”

No, è per tutti i generi, senza esclusioni! 

No, anche se la parola “Biodanza” può far pensare a un tipo di ballo, si tratta di un’attività del tutto diversa

No, anzi, tutto il contrario! Ci saranno solo proposte di movimento a cui poter rispondere con i propri personali movimenti naturali

Non più che nella vita di tutti i giorni. Con la differenza che in ogni sessione di Biodanza® si cura una dimensione di ‘gruppo’ che fa da contenitore protetto, in cui a incontrarsi con gli altri e con sé, con ascolto, sensibilità e rispetto, e in cui si stabilisce pian piano una familiarità e una fiducia reciproca

Sì, ma solo la frequenza regolare e costante permette al gruppo di crearsi, e di aiutare ogni partecipante a crescere con le proposte su cui è basata la metodologia. 

No, vengono usate musiche di tutti i generi, accuratamente scelte dai facilitatori fra quelle raccolte da Biodanza per la loro “coerenza”, secondo criteri di semantica musicale, con ogni proposta all’interno di ogni sessione

No, la Biodanza® nasce molto prima e aldilà di tutte le etichette e/o i pregiudizi, nasce dalla realtà e ci rimane, offrendo un modo, uno spazio e un tempo perché ognuno, molto progressivamente, accolga la propria realtà e quella di tutti, rinnovandosi nel qui e ora, fino a ricavare un sempre maggiore benessere

Sì, certo. Non servono competenze di questo tipo

Se hai altre domande, dubbi o curiosità, non esitare a contattarmi